Ricerca prodotto:   


Olio extra vergine di oliva Bio

Olio umbro: Perché è così buono
Gli olivi coltivati in Umbria danno vita a un olio così buono perché godono di condizioni climatiche uniche, che consentono una maturazione delle olive molto lenta: ciò fa sì che il tasso di acidità dei frutti sia molto limitato. Grande importanza hanno anche i terreni collinari dai quali questi olivi sorgono: la loro permeabilità lascia penetrare le radici della pianta, che gli permette di assorbire facilmente le sostanze nutritive.Ma è decisiva anche la mano dei produttori, che raccolgono i frutti a mano all’inizio della maturazione, non alla fine. Questa modalità fa sì che le olive abbiano bassa acidità e un deciso gusto fruttato.La produzione olivicola umbra si distingue anche per l’elevato grado di freschezza delle olive. Questo perché vengono inviate subito al frantoio, senza aspettare la fine dell’intero raccolto.Per queste sue caratteristiche, l’olio prodotto si sposa bene con i piatti tipici dell’Umbria, cibi semplici ma molto saporiti.

Profumo e sapore
Le qualità organolettiche dell’olio umbro determinano aromi e sapori ben definiti. Il marchio di fabbrica della produzione regionale è un gusto fruttato intenso, con note più o meno delicate di amaro e piccante. I profumi sono variegati: vanno dall’erba fresca, alla frutta, alla mandorla, al carciofo e così via, a seconda della varietà della pianta e della provenienza geografica.

Come degustare l’olio
Per apprezzare al meglio le caratteristiche olfattive e gustative del prodotto, l’olio deve avere una temperatura di circa 28°. Per degustarlo, avvicina il bicchiere al naso e inspira profondamente. Quindi assaggia una piccola quantità, senza ingerirla: ora inspira di nuovo per portare l’olio a contatto con le papille gustative. Una caratteristica che si nota subito assaggiando un qualunque olio umbro è la dolcezza, dovuta al basso livello di acidità, che si attesta allo 0,65% contro lo 0,8% di un qualunque extravergine.

Categorie

© 2017. All Rights Reserved | Design by Fabio Saveri Lab